Anatra alla Pechinese DOC.

FacebooktwitterpinterestFacebooktwitterpinterest

Se vuoi mangiare l’unica e l’inimitabile Anatra alla Pechinese DOC, allora credo che il programma sia: prendere un volo di linea Italia/Cina, arrivare a Beijing, fiondarsi in una taxi e farsi portare al Liqun Roast Duck Restaurant.

Naturalmente dovete esser sicuri di trovarla l’anatra, quindi è sempre raccomandabile chiamare qualche giorno prima e prenotare sia il tavolo che “le” anatre. Dico “le” perché se siete in 4 o più è sempre meglio abbondare nel numero perché sono talmente buone che una tira l’altra come le famose patatine.

Se poi, Beijing vi sembra un programma un po’ azzardato (non capisco proprio il perché, onestamente) allora se siete a Milano potete provare quella del Mandarin 2. Anche in questo caso prenotazione qualche giorno prima (se pensate di andare nel weekend anche più di qualche giorno prima) e prenotate sempre entrambe le cose: tavolo e anatra. La padrona di casa vi accontenterà sicuramente e credo che rimarrete stupiti dal sapore anche se non sarete in terra d’oriente.

Se poi, avrete la pazienza e la buona volontà di stupire gli amici e dedicarvi 2 giorni alla cucina, allora potete provare questa ricetta. E’ fenomenale.


Ricetta:

In accompagnamento:

Più difficile a dirsi che farsi, quindi non vi spaventate, ma cucinate e gustate. La ricetta è un po’ lunga, non tanto per l’esecuzione ma per i tempi di attesa tra un procedimento e l’altro. Quindi vi consiglio di preparala venerdì sera o sabato per il giorno dopo.

Come prima cosa pulire l’anatra (anche se lo farei già fare al macellaio che è meglio) e poi scottatela in acqua bollente e sale per circa 10/15 min. Quando vedete la pelle che si schiarisce e si tesa è l’ora di tirarla fuori, asciugarla e appenderla per poter facilitare la fase successiva.

Io solitamente gli infilo una bottiglia d’acqua su per “…”, mi avete capito vero?

Mescolate in una ciotola: l’olio di sesamo, il miele, il vino e l’aceto di vino; 3/4 cucchiai cad. e portate il tutto ad ebollizione per 2/3 min. Spennellate il composto sull’anatra ripetutamente per un paio di ore, facendo attenzione che la pelle abbia assorbito le pennellate precedenti. A questo punto coprire l’anatra con un canovaccio in lino e fategli trascorrere la notte a riposo in un luogo fresco e ventilato. In poche parole quel giorno sarà più coccolata del vostro compagno/a.

Il giorno del giudizio portare il forno ventilato a 220°C e mettete ad arrostire l’anatra su una teglia con griglia per permettere ai sughi di scolare e non accumularsi sotto al volatile.

Cuocere per circa 30min con il petto verso l’alto. Dopo di che potete abbassate la temperatura a 160°C e continuare la cottura.

Per le successive 2 ore dovete dedicarvi all’anatra, ciò significa mettere un bel film da 120min in TV e mettere in pausa ogni 25min per girare e spennellare l’anatra con il composto della marinatura.

Potete anche utilizzare il liquido di cottura, soprattutto nella parte finale quando ormai l’anatra sarà già tutta rossa (tipo laccata) e croccantissima.

Quando vi accorgete che il colore della pelle è di un rosso acceso e la consistenza della pelle è croccante come la crosta del pane appena sfornato allora è il momento di spegnere il forno e spolpare il pennuto.

L’ideale per poi riempire bene le Crepes sarebbe fare tante striscioline uguali ma va benissimo anche a pezzi non troppo grandi.

Nei tempi morti tra un passaggio e l’altro sarebbe cosa buona e giusta preparare tante verdure a listarelle da avvolgere con la carne nelle sottili Crepes alla mandarina che dovete cercare di procurarvi da qualche negozio di alimentari cinese (onestamente è la cosa più difficile da recuperare, bisogna ordinare quelle congelate in buste da 30/40 pz.).

Assolutamente necessaria la Salsa Hoi-Sin che trovate nei supermercati cinesi, se siete a Milano potreste andare da Kathay in Stazione Centrale. In alternativa una semplice Salsa di Prugne andrà benissimo.


Ristoranti per gli svogliati:

Liqun Roast Duck Restaurant

11 Beixiangfeng Hutong, Qianmen Dongdajie, Chongwen District, Beijing

Mandarin 2

via Garofalo 22/a – Milano, Italia


Supermercato per gli intraprendenti:

Kathay

Via Rosmini 11 – 20154 Milano


 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.